Crisi del debito a Evergrande – Come colpisce il settore immobiliare cinese

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Le autorità cinesi hanno detto mercoledì scorso alle principali banche del paese che il Gruppo Evergrande non sarebbe in grado di pagare gli interessi sui prestiti in scadenza il 20 settembre, secondo un rapporto Bloomberg, un altro segno dell’impatto economico della crisi gigante.

I problemi finanziari del secondo produttore immobiliare cinese hanno già fatto arrabbiare sia gli investitori che gli acquirenti di case e hanno aumentato i rischi per il sistema finanziario del paese. Il Ministero cinese per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (MOHURD) ha incontrato i banchieri questa settimana, secondo Bloomberg, citando fonti che hanno familiarità con la questione. Il rapporto afferma inoltre che Evergrande sta continuando le sue trattative con le banche con l’obiettivo di ritardare i pagamenti e posticipare alcuni prestiti.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

I regolatori hanno avvertito che l’affare Evergrande pone rischi più ampi per il sistema finanziario del paese se il debito di 305 miliardi di dollari della società non viene ridotto. Molti analisti prevedono che le autorità cinesi interverranno per prevenire il crollo, che avrebbe un impatto enorme su molti settori.

Rating e banche di investimento hanno avvertito della situazione e delle conseguenze che potrebbe avere sul sistema cinese.

S&P ha nuovamente declassato il rating creditizio di Evergrande a “CC” da “CCC”, con outlook negativo, citando la ridotta liquidità della società e il rischio di default, e considerando la possibilità di una ristrutturazione del debito. Il campanello d’allarme per i rischi posti da un fallimento del gruppo Evergrande per molte industrie è stato sottolineato in un rapporto martedì in tarda serata dall’agenzia di rating Fitch, che lo ha declassato a “CC” da “CCC+” il 7 settembre. La banca di investimento Goldman Sachs ha anche avvertito in una nota che la crisi del debito del Gruppo Evergrande potrebbe rischiare di diffondersi al più ampio settore immobiliare cinese.