India: Crisi energetica e carenza di carbonio creano ‘blackout’

Photo by Lachlan on Unsplash
Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

L’India ha raggiunto un punto pericoloso dal punto di vista energetico, poiché ci sono costanti avvisi di possibili interruzioni di corrente a causa della mancanza di carbonio. Ma come ha iniziato questo problema: l’India ha la quarta più grande riserva di carbone al mondo e fa molto affidamento sulle centrali termiche per soddisfare il proprio fabbisogno energetico. Inoltre, il paese è anche il secondo importatore di carbone al mondo e importa combustibili da vari paesi.

Tuttavia, il forte aumento della domanda di elettricità, le scarse riserve di carbone dopo le forti piogge in Gujarat, Punjab, Rajasthan, Delhi e Tamil Nadu e un calo del 40% delle importazioni di carbone sono alcuni dei fattori che alimentano questa crisi e il carbone in India. Inoltre, anche l’aumento dei prezzi del carbone, passando da 60 a (marzo-202) a $ 160 / tonnellata a settembre e ottobre 2021, sta peggiorando le cose.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Nel tentativo di aumentare la produzione di carbone del paese, nel maggio 2020 il governo ha deciso di mettere all’asta le miniere di carbone insieme alla bauxite. La logica era quella di aumentare la produzione per ridurre la dipendenza dalle importazioni. La Federation of Indian Mineral Industries ha avvertito il Ministero del carbone indiano che la carenza di carbonio ha creato “una situazione estremamente precaria per i consumatori di carbone, specialmente nell’industria dell’alluminio e dell’acciaio” e ha affermato che la situazione potrebbe portare alla chiusura.

“Nessuno credeva che la domanda industriale sarebbe aumentata così rapidamente, quindi le centrali elettriche non si sono preoccupate di ricostituire le riserve di carbone. Ma ora le azioni si stanno esaurendo giorno dopo giorno”, ha affermato Nitin Bansal, vicedirettore di India Ratings and Research.