L’Italia schiera nuove missioni economiche in Pakistan

L’ambasciatore italiano in Pakistan, Andreas Ferrarese, ha annunciato domenica che una nuova missione economica sarà schierata in Pakistan per promuovere ulteriormente il commercio bilaterale e la cooperazione economica in diverse aree.

Secondo i dettagli, la nuova missione economica sarebbe stata inizialmente istituita nelle principali città del Paese, tra cui Karachi e Islamabad, e sarebbe stata successivamente estesa ad altri potenziali hub commerciali per aumentare l’integrazione economica e commerciale tra Pakistan e Italia. Ferrarese ha affermato che esisteva un enorme potenziale commerciale in diversi settori dell’economia che doveva essere esplorato e, a questo proposito, entrambe le parti sono state impegnate nel dialogo attraverso la Commissione economica mista Pak-Italia, una riunione la cui riunione dovrebbe incontrarsi presto a Roma. Ha detto che l’economia verde, il trasferimento di tecnologia per il settore industriale compresi i tessili e l’agroindustria, il settore delle costruzioni, l’istruzione e la salute sono le principali aree di interesse per estendere la cooperazione bilaterale.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad

L’ambasciatore italiano ha affermato che attualmente l’Italia sta fornendo assistenza tecnica al Pakistan in agricoltura e migliorando il settore tessile attraverso macchinari moderni, valore aggiunto nei settori dell’agricoltura, del cuoio e del marmo. A tal proposito, l’Italia ha istituito a Faisalabad presso la National Textile University (NTU) l’Italy-Pakistan Textile Technology Center (IPTTC) per potenziare il settore tessile locale.

D’altra parte, il Pakistan stava lavorando per espanderlo agli articoli agricoli, inclusi latticini e bestiame, olive e prodotti a base di olive, plastica, prodotti alimentari trasformati e settore edile nel mercato italiano.Rispondendo a una domanda sul commercio con i paesi dell’Unione europea (UE), ha detto che del suo intero contributo commerciale all’UE, la quota del Pakistan con l’Italia è stata del 10 per cento, il che sarebbe migliorato in futuro.

È opportuno menzionare qui che l’Italia è il maggior contributore dell’UE al Pakistan in termini di rimesse.

L’ambasciatore italiano ha inoltre affermato che l’Italia desidera collaborare con il Pakistan per la protezione dell’ambiente, l’economia circolare, il risparmio e la gestione delle risorse, la protezione e il recupero dell’ecosistema, la conservazione dell’acqua e la prevenzione dei disastri naturali. Durante l’anno fiscale 2019-20 (FY20), tessile, cuoio, riso, etanolo, articoli tessili, completi, indumenti usati, cotone, abbigliamento, uncinetto, cereali, pelli grezze, bevande e calzature sono state le principali aree delle esportazioni del Pakistan in Italia considerando che le importazioni del Pakistan dall’Italia sono aumentate in settori quali navi, imbarcazioni e altre strutture galleggianti, macchinari, prodotti farmaceutici, aeromobili, veicoli spaziali, apparecchiature elettriche ed elettroniche, prodotti chimici organici, ferro e acciaio, prodotti chimici vari, ottici, fotografici, tecnici e medici apparato. Ha informato che i latticini e il bestiame, le olive e i prodotti a base di olive, la plastica, i prodotti alimentari trasformati e il settore delle costruzioni erano le aree in cui l’Italia potrebbe estendere la sua cooperazione con il Pakistan.

Ferrarese ha anche sottolineato l’importanza di promuovere la connettività culturale per promuovere il commercio bilaterale, aggiungendo che incoraggerebbe lo scambio di studenti per rafforzare ulteriormente le relazioni bilaterali.

Fonte: profit.pakistantoday.com