Mecenatismo in cambio di concessioni: si apre il dialogo fra Comune e industriali

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Clima più disteso – le parti si parlano direttamente non tramite avvocati – punti di vista e strategie, almeno a parole, più vicine. Industriali del marmo e amministrazione civica trovano intese e punti in comune sull’articolo 21, ossia su quella norma che “scambia” investimenti per la città con l’estensione delle concessioni di cava.

Il vicesindaco Matteo Martinelli ha incontrato ieri una delegazione della sezione lapideo di Confindustria di Massa-Carrara guidata dal capogruppo Fabrizio Santucci. Al centro dell’appuntamento proprio le prospettive aperte dall’articolo 21 del nuovo Regolamento degli agri che lega la durata delle concessioni oltre che alla percentuale di materiale lavorata in loco anche alla realizzazione da parte dei concessionari di progetti di interesse generale con impatto positivo su occupazione, ambiente e infrastrutture pubbliche.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Fermo restando il tetto massimo dei 25 anni di durata e la soglia minima del 50% per la lavorazione in loco, il nuovo meccanismo sprona le imprese a investire sulla città. Fatto sta che le imprese del marmo si sono già fatte avanti con progetti – solo annunciati va detto – per “far rinascere” la città: da laboratori e show-room in centro storico al recupero del Politeama. L’articolo 21, insomma, sembra fare breccia nel mondo degli imprenditori della pietra e potrebbe aprire prospettive nuove per il territorio.

Fonte: iltirreno.gelocal.it