Invictus Versilys e la sostenibile leggerezza del marmo

Eltrak - Cat banner ad

Le immagini della gallery sono di straordinaria bellezza. Raccontano di un progetto ambizioso e inedito che mette al centro la materia. Forse una tra le più nobili, tanto nerboruta quanto eterea ed elegante: il marmo. Invictus GT320, nella versione Versilys, si fa scultura, diventa emblema di opposti che si attraggono: il dinamismo e la potenza dei 700 cavalli da una parte, la solidità, financo immobile, del marmo appunto.

Il merito della ineccepibile convivenza è del designer Christian Grande (chief designer per Invictus) e Paolo Carli, presidente Henraux (azienda di Querceta, nella lucchesia, leader nel campo dell’escavazione e della lavorazione del marmo). Contrariamente a quanto si possa immaginare, il peso a pieno carico si discosta in modo del tutto irrilevante, circa 70 chilogrammi, dalle 8 tonnellate della versione standard.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Il prezioso ed eterno materiale è stato utilizzato per le superfici calpestabili del ponte, oltre che per svariati dettagli e complementi dell’arredo di bordo, dal pianale della kitchenette nel pozzetto, fino al top bagno e relativo lavabo.

Le cuscinerie Titanium e la colorazione Attack Grey incarnano il perfetto abbinamento per le tonalità del marmo. «Il Classico non appartiene solo al passato, è l’immagine in cui ogni civiltà ha identificato la forma più compiuta della propria cultura. È ciò che di quella cultura è stato profondamente attuale e che, affidato alla precisione di un segno, continua a resistere al tempo» ha commentato Christian Grande. «La nostra è un’epoca che celebra l’insolito e il paradossale, capace di integrare i contrasti e trasformare in ricchezza di significato ogni apparente contraddizione. Nel solco di quest’idea, trova il suo spazio ciò che è apparentemente inconciliabile: la roccia e il mare, elementi archetipici, si incontrano e si fondono nello spazio di trentadue piedi» ha concluso il designer.

Fonte: www.gentedimareonline.it