Storia del marmo portata alla luce

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Le cave dell’Altissimo, situate nelle Alpi Apuane a 1589 m di altezza in Italia, nel nord della Toscana, in Italia, si sono notevolmente evolute dal loro inizio in età romana fino ai giorni nostri.

Secondo Reuters, dopo che il famoso artista Michelangelo scalò una delle vette per ottenere il marmo per le sue statue nel 1517, le cave attraversarono cicli di abbandono e riscoperta.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Nel 1821, Marco Borrini, un proprietario terriero locale, collaborò con l’uomo d’affari francese Jean Baptiste Alexandre Henraux per avviare una nuova società di estrazione. Nel giro di un decennio, l’attività Henraux si era sviluppata rapidamente, con il numero di cave che aumentava da 11 a 132.

Si dice che l’impresa abbia portato “nuova vita” alla zona economicamente depressa, impiegando centinaia di cavatori, squadratori, slittini, tagliapietre e carrettieri che guidavano i treni dei buoi. Il numero di operai salì a 1600, con circa 2450 scalpellini che lavoravano nell’area nel 1830. Durante questo periodo, il marmo fu fornito allo Zar di Russia per la Cattedrale di Sant’Isacco a San Pietroburgo e allo scultore americano Hiram Powers, i cui lavori sono ora in corso. mostra al Metropolitan Museum of Art di New York.

Tecniche moderne

Ciò che non è cambiato in modo significativo nel corso degli anni è ciò che è necessario prima del processo di estrazione. Esperti noti come “tecchiaroli” appendono delle corde dai fianchi della montagna e raccolgono ai suoi lati con sbarre di ferro appuntite per rimuovere la roccia che potrebbe cadere e ferire i lavoratori nelle fasi successive dell’estrazione.

Tuttavia, gli strumenti utilizzati per estrarre il marmo nella zona hanno subito un radicale aggiornamento. Strumenti arcaici come leve, scalpelli e martelli si sono successivamente evoluti con l’introduzione di fili elicoidali nel XIX secolo e fili diamantati, seghe e attrezzature pesanti per movimento terra.

Fonte: www.quarrymagazine.com