Walter Danesi della Cava Museo Fantiscritti ospite di un convegno sul marmo a Trieste

Eltrak banner ad

La storia delle cave di Carrara raccontata non, come di consuetudine a Fantiscritti ma a Trieste.

Walter Danesi della Cava Museo di Fantiscritti, è stato ospite e relatore a“Pietra Kamen, valorizzazioni a confronto” a Duino Aurisina in provincia di Trieste. Si è trattato di un incontro internazionale promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis nell’ambito della decima edizione di Duinobook 2023, sostenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia per la valorizzazione dei luoghi del territorio regionale, in particolare in questo caso il Geosito delle Cave.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad

Assieme a Danesi con “Memoria e identità di Carrara: dal bagascio ai giorni nostri”anche l’architetto Janez Koželj dell’Università di Lubiana su “Max Fabiani la pietra dell’architettura a Trieste e Gorizia”, l’amministratore delegato di Viviparchi Saverio Fontana “Il progetto e l’esperienza di Viviparchi”, il responsabile del Parco delle Cave del Comune di Milano, Cesare Salvetta, con la propria esperienza, il presidente della Comunella Jus Nabresina Gemeinde Mirko Petelin su “Bacino Ivere 3: aggregatore di iniziative per la valorizzazione comune del territorio”.

Danesi dopo aver raccontato Carrara e le sue cave compresa la “Cava museo” fortemente voluta e costruita dal nonno Walter Gualtiero, ha donato all’organizzazione una riproduzione in marmo di un caro di buoi trainanti un blocco.

Questo il commento via social dell’esperienza triestina da parte di Danesi.
“E’ stato un week end veramente importante per me. Poche volte mi era capitato di raccontare il Museo fuori dalla sua sede originale, cioè a Fantiscritti. Sono stato invitato ad Aurisina, dal @museomuzejkamen per essere tra i relatori di un Convegno dedicato alla Pietra e al Museo diffuso Kamen. Grazie a te Nonno per avermi lasciato in custodia l’eterno patrimonio della Memoria storica legata ai Cavatori di Carrara. L’emozione, ovunque sia, a raccontare delle nostre origini, è sempre molto forte. Per sempre grato.”

Fonte: www.voceapuana.com