«Formazione dei giovani e rilancio del centro storico» – Ecco la nuova fase della Fondazione Marmo

Stefania Corsini è la nuova coordinatrice della Fondazione Marmo Onlus. Succede ad Andrea Balestri ed entrerà ufficialmente in carica dal 1 gennaio 2021. Nata a Carrara, Corsini negli ultimi 10 anni si è occupata di fundraising e di comunicazione, consulenza, progettazione e produzione artistico-culturale per artisti, aziende ed istituzioni pubbliche. Laureata in Storia Moderna a Pisa ha lavorato nel settore del Non profit prima nella Fondazione Centro Arti Visive di Pietrasanta poi nella Fondazione Ragghianti di Lucca. Nel 2017 è stata consulente e location manager alla produzione Sky di Michelangelo – Infinito.

“Prima di tutto desidero ringraziare il dottor Andrea Balestri per il lavoro che in questi anni assieme al mio predecessore Erich Lucchetti, ha svolto nella costruzione della Fondazione Marmo Onlus, – spiega la presidente della Fondazione Marmo Onlus Bernarda Franchi – grazie alla sua dedizione infatti siamo riusciti a trasformare quella che era una idea di alcune aziende lapidee del nostro territorio in un vero e proprio punto di riferimento per tutta la nostra comunità. Dopo tre anni possiamo dire che si è positivamente conclusa la prima fase della Fondazione, e cioè quella di gettare le basi per farne un soggetto solido del Terzo Settore di Massa Carrara.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad

Oggi possiamo iniziare la seconda fase che sarà maggiormente dedicata agli investimenti a medio e lungo termine. E’ evidente che la pandemia Covid-19 che ha così duramente colpito tutti noi, sia dal punto di vista sanitario che economico – spiega Franchi – ha di fatto inciso molto sulla tempistica dei nostri nuovi progetti. Nel 2020 ci siamo dedicati soprattutto a dare risposte immediate nel settore sanitario, intervenendo laddove le strutture sia pubbliche che private mancavano di strumenti e presidi, sia socio-assistenziale, sostenendo direttamente o indirettamente le famiglie colpite dalla improvvisa decurtazione del proprio reddito.

Adesso con la fine di questo terribile 2020 vogliamo ritornare a pensare al futuro, e quindi di aprire una nuova stagione nelle azioni delle Fondazione, perché vogliamo nutrire la concreta speranza che, anche grazio all’inizio delle vaccinazioni, ci stiamo avviando alla fine del tunnel e quindi vogliamo farci trovare pronti quando la pandemia sarà definitivamente alle nostre spalle”.

“Questo significa – aggiunge la Presidente Franchi – che la nuova coordinatrice, forte delle proprie esperienze maturate a livello anche regionale e nazionale, avrà un compito di progettazione e programmazione che si diramerà in due direzioni. Da una parte sarà volto ad allargare e rafforzare la Fondazione sia a nuovi soggetti imprenditoriali, sia a nuove forme di sostegno alle azioni di aiuto sociale attraverso un allargamento delle rete di collaborazioni con enti, associazioni e istituzioni su scala regionale e nazionale.

Dall’altra si concentrerà sulla definizione di piani di intervento che punteranno ad sostenere il rilancio del nostro territorio sia economicamente che culturalmente. Fra questi sarà dedicata una particolare attenzione ai giovani, all’istruzione e formazione delle ragazze e dei ragazzi della nostra provincia, dalle elementari fino all’università, anche attraverso speciali collaborazioni con istituti di formazione superiore e universitaria nazionali.

A ciò poi si aggiungerà uno specifico progetto di rilancio del centro storico di Carrara sia dal punto di vista strutturale, sia culturale. In questi anni infatti abbiamo sostenuto con nostre risorse direttamente tante iniziative delle istituzioni pubbliche, pensiamo alla ristrutturazione del Teatro Animosi, ma ora sentiamo la necessità di predisporre un piano organico e a medio termine coinvolgendo nella sua ideazione e realizzazioni le migliore energie intellettuali e materiali della nostra comunità”.

“Cogliendo l’occasione per fare i miei più sinceri auguri a tutte le cittadine e i cittadini di Carrara – conclude Bernarda Franchi – , per tutti noi sta arrivando un nuovo anno e, assieme al Cda della Fondazione, vogliamo farci trovare pronti, anche dal punto di vista della governance, a quella che dovrà essere una nuova stagione di crescita e benessere per la nostra comunità”.

Fonte: www.lagazzettadimassaecarrara.it