La via del marmo di Michelangelo nelle Alpi Apuane

Reuters
Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Cinquecento anni fa, Papa Leone X costrinse Michelangelo a lasciare la sua amata Carrara e trovare nuove cave negli impenetrabili dintorni di Pietrasanta e Seravezza per estrarre il marmo per la facciata della Basilica di San Lorenzo di Firenze. Michelangelo si oppose strenuamente alla decisione papale, non vedendo il punto nel cambiare fornitori. Ma Leone X, era deciso: il marmo di Carrara aveva un costo, mentre la zona di Pietrasanta era controllata da Firenze, quindi la roccia era libera. A caro prezzo l’artista che, già scultore, pittore e architetto, doveva improvvisare anche come cavatore e costruttore di strade. Se il marmo si trovava nel possente Monte Altissimo che sovrasta Seravezza, non è stato facile ottenerlo.

Michelangelo trascorse tre anni scalando, esplorando e domando le aspre montagne. Ha portato alla luce il marmo bianco venato Statuario sul Monte Altissimo e ha iniziato a costruire una strada per il mare in modo che potesse essere spedito a Firenze. Anni dopo, il Granduca Cosimo I intuì le potenzialità della zona, costruendo una bellissima villa a Seravezza, completando la strada Michelangelo dal Monte Altissimo a Forte dei Marmi e aprendo la strada all’industria del marmo in Versilia.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Sono passati 500 anni da quando Michelangelo ha forgiato la sua strada del marmo, che si estende da Seravezza fino al tacco delle cave di Trambiserra e Cappella. Una delle tante strade che attraversano le Alpi Apuane, è intrisa di un’eredità che ha plasmato il carattere di tutti i paesi dell’Alta Versilia.

È il ricordo marmoreo di Michelangelo che ha l’impatto più forte. Durante la sua permanenza nella zona, Michelangelo disegnò il progetto di un rosone per la Cappella di Azzano, una pieve romanica che domina regalmente la Versilia. Oggi conosciuto come l’Occhio di Michelangelo, questo rosone “guarda” verso l’esterno i tanti giovani artisti internazionali che ogni estate arrivano qui per scolpire, studiare e respirare l’aria di castagni secolari e marmi millenari.

Ogni secolo dopo Michelangelo vide i propri sviluppi. Il più notevole per il 1600 fu il decollo della produzione di piastrelle di marmo quadrate. Nel XVIII secolo, i blocchi di marmo venivano inviati lungo il percorso incendiato da Michelangelo tramite teleferiche e funivie, quindi caricati su carrozze guidate da buoi e portati al mare dove sarebbero stati spediti. Questo modus operandi continuò fino ai primi anni del 1900, ma negli anni ’60 le cave della Cappella non avevano più il marmo da offrire.

Ciò ha avuto scarso effetto sulle legioni di artigiani e artisti che continuano a ritagliarsi uno spazio creativo qui, mantenendo viva la “memoria del marmo”. Una vivace comunità di artisti nati all’estero carica nelle numerose scuole e laboratori di Pietrasanta, mentre Seravezza custodisce l’eredità del più grande scultore che abbia mai donato corpo e anima alla pietra.

Oggi la strada non è più utilizzata per il trasporto del marmo, ma presso la Cappella di Azzano, che domina la costa della Versilia e il profilo delle Apuane in lontananza, si sente ancora il marmo che viene cesellato nel silenzio della valle.

Fonte: theflorentine.net