Le esportazioni dei maggiori fornitori di marmo lavorato tra il 2019 e il 2020

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Qual è stato l’impatto della pandemia Covid-19 sulle esportazioni di marmo lavorato da Brasile, Grecia, Spagna, Italia, Cina, Portogallo e Turchia?

Brasile, Grecia, Spagna, Italia, Cina, Portogallo, Turchia rappresentano in valore oltre l’80% delle esportazioni mondiali di marmo lavorato. I maggiori esportatori sono la Cina, seguita da Turchia e Italia. Grecia, Spagna, Portogallo e Brasile sono molto indietro nel valore delle esportazioni rispetto ai primi tre paesi, ma esportano grandi quantità di valore elevato.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad

Nel bel mezzo della guerra commerciale tra gli Stati Uniti e Cina, lo scoppio della pandemia di Covid-19 ha complicato ulteriormente la situazione nel commercio mondiale di pietre naturali. Dall’analisi dei dati statistici e dal confronto delle variazioni del valore e della quantità delle esportazioni tra il 2019 e il 2020 sono emersi dati interessanti che vediamo nella Tabella che segue.

Nella Tabella vediamo che, a differenza di altri Paesi, la pandemia Covid-19 e lockdown hanno avuto un effetto positivo sulle esportazioni di marmo lavorato da Brasile e Turchia. L’aumento è dovuto all’aumento delle esportazioni dei due paesi verso gli Stati Uniti, Brasile e Turchia, dall’inizio della guerra commerciale tra gli Stati Uniti. – La Cina e poi, aumentano le loro esportazioni negli Stati Uniti dirottando azioni dalla Cina. Il prezzo medio per tonnellata del Brasile è diminuito rispetto al 2019 del -8,51% e quello della Turchia del -4,32%.

Contro lo scoppio della pandemia e della guerra commerciale, la Cina è riuscita a contenere il calo aumentando le esportazioni principalmente verso Vietnam e Arabia Saudita. Il calo delle esportazioni verso gli Stati Uniti ha continuato nel 2020, tuttavia, con una percentuale inferiore rispetto al periodo 2018 – 2019. Il prezzo medio per tonnellata è aumentato rispetto al 2019 del + 10,15%.

L’Italia è stata duramente colpita dalla pandemia e dai blocchi, ma ha mantenuto elevate le sue esportazioni a causa dell’aumento delle esportazioni in Arabia Saudita e Qatar e del restringimento della caduta verso gli Stati Uniti, il prezzo per tonnellata è aumentato rispetto al 2019 del + 2,71%.

La Grecia ha registrato un calo principalmente a causa della riduzione delle esportazioni verso gli Stati Uniti. e gli Emirati Arabi Uniti. L’aumento delle esportazioni in Arabia Saudita ha contribuito a frenare il calo complessivo. Il prezzo medio per tonnellata è diminuito rispetto al 2019 del -10,43%.

Il Portogallo è l’unico paese tra gli altri che ha registrato una diminuzione del valore e un aumento del volume delle esportazioni portando a una diminuzione del prezzo medio per tonnellata del -19,6%. Il rapido aumento delle esportazioni verso la Cina con un prezzo medio per tonnellata molto basso ha avuto nel complesso un effetto decisivo.

La Spagna ha registrato una diminuzione in valore e quantità ma ha aumentato il prezzo medio per tonnellata del + 11,36%. In tutte le principali destinazioni di lavorazione del marmo in Spagna si è registrata una flessione con le uniche eccezioni Francia e Marocco.

 

*Le statistiche sono derivate dall’analisi dei codici del sistema armonizzato (SA):

68022100: Manufatti di marmo, travertino e alabastro, semplicemente tagliati o segati, con una superficie piana o liscia (escl. Con una superficie completamente o parzialmente piallata, levigata, macinata grossolanamente o finemente o levigata, sottovoce 6802.10, pali, paracarri e lastre di pietra)

68029100: Marmo, travertino e alabastro, in qualsiasi forma (escl. Piastrelle, cubi e oggetti simili della sottovoce 6802.10, bigiotteria, orologi, lampade e accessori per l’illuminazione e loro parti, bottoni, sculture e statue originali, divani, paracarri e lastre di pietra)

*A causa del flusso continuo di dati, le statistiche possono cambiare durante l’anno

Per statistiche di più contattare: [email protected]