Shaq El-Tho’ban: La città egiziana del marmo e del granito

Eltrak - Cat banner ad
Papagiannoulis banner ad

A sud del Cairo si trova Shaq El-Tho’ban, un’area considerata un investimento per l’Egitto. Il Presidente Abdel-Fattah El-Sisi ha diretto lo sviluppo globale dell’area e la sua trasformazione in uno spazio integrato denominato “Città del Marmo e del Granito”.

L’area è uno dei più importanti siti di esportazione del marmo. Si trova su un’area stimata di 6,5 milioni di metri quadrati e contiene 2.525 fabbriche e laboratori per la produzione e l’esportazione del marmo che arriva dalle cave di Ras Ghareb, Ain Sukhna, Minya e Jabal El Galala a Suez, dal Mar Rosso e da Assuan.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad

All’interno dei suoi confini si trovano una scuola e un istituto dove possono diplomarsi lavoratori tecnici qualificati. Vi è anche un porto secco e un’area di servizi, che comprende filiali di varie banche e agenzie marittime. Inoltre, vi è un’area logistica con uffici di spedizione e scarico, un’area espositiva, un’ambulanza e una stazione dei vigili del fuoco, una stazione di polizia e fabbriche per il riciclaggio dei rifiuti industriali.

Shaq El-Tho’ban si sta attualmente sviluppando nell’ambito del progetto statale di trasformarla in una città del marmo e del granito. Nei suoi limiti, vengono promossi i servizi forniti agli investitori, risolti i problemi, completate le utenze e legalizzate le condizioni dei proprietari delle fabbriche, poiché l’intera regione è considerata proprietà dello Stato.

L’area comprende la costruzione di nuove strade asfaltate in grado di sopportare il peso dei veicoli di trasporto carichi di blocchi di marmo, servizi di pubblica utilità, reti elettriche e idriche.

La regione è rispettosa dell’ambiente e tratta i rifiuti solidi in modo sicuro e scientifico. Presta la necessaria attenzione all’aumento dell’efficienza delle infrastrutture della regione per sviluppare i vari servizi, tra cui l’elettricità, l’acqua, le fognature e la nutrizione elettrica, e per sviluppare la rete degli assi principali circostanti e le sue strade secondarie.

È in funzione anche l’impianto di riciclaggio degli scarti di lavorazione del marmo “Sahala”. È stato inoltre concordato con diverse fabbriche di ceramica di riciclare gli scarti di lavorazione del marmo e di utilizzarli per produrre piastrelle interlock, che vengono riutilizzate per la pavimentazione delle strade.

L’obiettivo principale dello sviluppo della regione è contribuire all’aumento della produzione e degli investimenti, alla massimizzazione delle risorse statali, alla creazione di ulteriori opportunità di lavoro, al superamento di tutti gli ostacoli che gli investitori dell’area devono affrontare, al raggiungimento della necessaria stabilità e al miglioramento delle infrastrutture e delle strutture.

Fonte: www.egypttoday.com