La Collezione Henraux 1960-1970 Alle Gallerie D’Italia Di Milano

Henry Moore alle cave Cervaiole Henraux
Eltrak banner ad

Le Gallerie d’Italia di Milano, museo di Intesa Sanpaolo, ospitano dal 10 giugno al 17 luglio 2022 la mostra Collezione Henraux 1960-1970, a cura di Edoardo Bonaspetti, direttore Artistico della Fondazione Henraux.

L’esposizione è dedicata all’importante raccolta di opere scultoree in marmo realizzate dall’azienda marmifera toscana, fondata nel 1821.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Joan Miró, Oiseau solaire, 1968. Foto di Ilario Bessi

La Collezione della Fondazione Henraux

Nei suoi oltre 200 anni di attività  Henraux è stata protagonista di innumerevoli progetti e collaborazioni nella cultura visiva internazionale. L’azienda venne fondata dall’ex ufficiale napoleonico Jean Baptiste Alexandre Henraux e dall’imprenditore versiliese Marco Borrini. La sua storia si intreccia con importanti contributi nel mondo dell’arte, dell’architettura e del restauro.

Ma è dal secondo dopoguerra che Henraux allaccia un rapporto straordinario con le arti visive grazie alla lungimirante direzione di Erminio Cidonio, divenuto nel 1956 amministratore unico della società.

Tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta, il vigore di questa eccezionale esperienza inizia ad affievolirsi per mutate strategie aziendali e, poco dopo essere stata esposta nel 1972 presso il Cortile d’Onore di Palazzo dei Diamanti a Ferrara, la collezione si disperde. Venticinque opere nel 1973 vengono acquisite dall’allora Banca Commerciale Italiana sotto la presidenza illuminata di Raffaele Mattioli, per poi confluire in quella che oggi è la raccolta d’arte moderna e contemporanea di Intesa Sanpaolo.

Marino Marini al lavoro nei laboratori Henraux

La mostra milanese

L’esposizione che apre a Milano il 10 giugno è allestita nel Cortile Ottagono e nel Giardino d’Alessandro delle Gallerie d’Italia di Milano. In mostra 7 delle 25 sculture Henraux in collezione Intesa Sanpaolo, che per l’occasione è stata sottoposta a un importante e innovativo intervento conservativo. Oltre alle 7 scultura, l’esposizione presenta documenti, foto d’archivio, modelli e riproduzioni organizzati in nuclei tematici, che raccontano il vitale contesto in cui le sculture sono state create, la nascita della collezione Henraux e l’esempio straordinario di cultura d’impresa dato dall’azienda.

Fonte: artemagazine.it