Europa: il mondo dell’architettura “vota” fiere con presenza fisica

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

Organizzare fiere digitali era una soluzione per il periodo in cui la pandemia “ha colpito”, ma ora che la situazione sembra normalizzarsi e la normalità sta gradualmente tornando, si preferiscono maggiormente le mostre con presenza fisica.

Secondo un sondaggio condotto da USP Marketing Consultancy nel primo trimestre, confrontando i risultati con un sondaggio simile condotto un anno fa, il settore delle costruzioni chiede un ritorno alle fiere.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Quasi il 70% degli architetti europei ha dichiarato di non aver partecipato a mostre online, mentre il 75% dei partecipanti al sondaggio USP ha affermato di voler partecipare nuovamente a mostre fisiche per entrare in contatto con i rappresentanti del settore. Le differenze individuate per paese sono significative. Il 60% degli italiani partecipa alle fiere online – rispetto al 20% in Olanda e Belgio – ma sia italiani che spagnoli preferiscono gli eventi dal vivo, mentre i britannici preferiscono quelli online.

In particolare, a causa della situazione e per poter continuare la comunicazione e il commercio e in concomitanza con lo sviluppo delle fonti di media digitali, sono stati tenuti diversi webinar e sono state gestite piattaforme/portali architetturali.

Le fiere sono sempre state un luogo molto importante nel settore delle costruzioni europeo. Le più grandi fiere (internazionali) hanno guadagnato terreno, a scapito di quelle locali più piccole. La natura delle fiere sta lentamente cambiando, ora si concentra più ampiamente sui prodotti: questi sono i dati, ma sulla base dei dati sulla pandemia, gli organizzatori delle varie fiere in Europa hanno dovuto adeguarsi. È molto chiaro che le normali esposizioni fisiche non erano (e sono tuttora) impossibili. La reazione iniziale è stata quella di rimandare i rapporti, sperando in giorni migliori. Successivamente, molte fiere hanno scelto di adottare un approccio digitale. Questo può essere conveniente all’inizio, ma non sembra essere nelle preferenze delle persone nel settore delle costruzioni, che preferiscono le mostre con una presenza fisica.

Quasi il 70% degli architetti europei dichiara di non partecipare a mostre online. Alla domanda sull’esposizione fisica, i numeri sono stati invertiti. Quasi il 75% di tutti gli architetti europei dichiara di voler partecipare di nuovo.

Ora ci sono alcune differenze chiave per paese. Circa il 60% di tutti gli architetti dichiara di partecipare a mostre online in Italia. Nei Paesi Bassi e in Belgio, questo è solo il 20%. Inoltre, quando abbiamo chiesto agli architetti europei cosa pensassero delle mostre online come una buona fonte di informazioni, la maggioranza è stata più negativa che positiva. Anche in questo caso, ci sono alcune differenze chiave per paese, ma nel complesso, più architetti erano negativi piuttosto che positivi in ​​tutti i paesi tranne Spagna e Italia, mentre il Regno Unito era favorevole a quelli online.

In conclusione, non tutti gli eventi nel settore delle costruzioni possono essere facilmente convertiti in formato elettronico. È chiaro dai dati degli architetti europei che le mostre rientrano chiaramente in questa categoria. Questo ha a che fare con la natura delle mostre, dove c’è un’altra connessione personale, una migliore promozione di nuovi prodotti e soluzioni ed è un’esperienza diversa. Quindi, nonostante i molti media e soluzioni digitali, la maggior parte degli architetti “desidera” tornare di persona alle mostre.

Fonte: www.usp-mc.nl