Gli effetti della pandemia sui porti di tutto il mondo

Ergomac banner ad
Eltrak - Cat banner ad

“La pandemia di COVID-19 ha generato diversi impatti temporali e spaziali sui porti del mondo”, conclude una nuova analisi. Il “Rapporto di un anno sul barometro dell’impatto economico del porto IAPH-WPSP: un’analisi basata su un’indagine sull’impatto del COVID-19 sui porti mondiali nel periodo da aprile 2020 ad aprile 2021” ha rilevato che mentre i porti hanno sofferto nei primi mesi della pandemia, entro l’estate 2020 hanno registrato una significativa ripresa.

Dall’estate 2020 “i volumi del commercio e delle merci hanno visto una notevole ripresa, in particolare nei segmenti che di solito affrontano un calo della domanda durante una crisi”, osserva il rapporto. Tuttavia, il recupero non è stato semplice. Come spiega il rapporto: “Mentre le partenze vuote e il calo del traffico portuale hanno segnato la prima metà del periodo di analisi in questo rapporto, la seconda metà è stata caratterizzata da problemi di disponibilità dei container, capacità delle navi molto ridotta e congestione dei terminali. Le conseguenti interruzioni nelle catene di approvvigionamento globali sono state ulteriormente rafforzate da altri eventi come il blocco del Canale di Suez alla fine di marzo 2021″.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Il rapporto ha rilevato che l’impatto della pandemia sulla catena di approvvigionamento è una sfida chiave per la resilienza e l’adattabilità dei porti. Ha aggiunto che lo scambio di informazioni, la condivisione delle (migliori) pratiche e il coordinamento/cooperazione tra tutte le parti interessate pertinenti sono essenziali per gestire le questioni legate alla pandemia e per essere meglio preparati per future interruzioni.

Nuova normalità per il commercio di container

Il settore dei container si è ripreso, ma a una “nuova normalità” piuttosto che alle esatte condizioni pre-COVID-19. Le partenze in bianco, principalmente sulle rotte commerciali con l’Estremo Oriente, hanno dominato la prima metà del periodo di rilevazione.Nel periodo tra l’inizio di aprile e la metà di luglio 2020 tra il 40% e poco più del 50% di tutti gli intervistati ha indicato che le chiamate delle navi portacontainer sono diminuite di oltre il 5%. Tuttavia, a settembre 2020 (settimana 36) questo era molto più basso del 28%.

Ad aprile 2021, circa il 29% dei porti segnala che il numero di scali di navi portacontainer è diminuito di oltre il 5% rispetto a una situazione normale. Questa cifra è molto inferiore al picco del 53% nella settimana 21 e anche al di sotto del 40-41% nelle prime settimane del sondaggio. Negli ultimi tre mesi del 2020, questa cifra si attesta ancora intorno al 35%.

La quota di porti che subiscono un calo significativo (oltre il 25%) negli scali di navi portacontainer ha raggiunto il 4,8% nell’aprile 2021, una cifra che rappresenta circa la metà dei risultati delle settimane 17, 18 e 20. Circa due terzi dei porti riferiscono che gli scali delle navi sono simili o addirittura superiori rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Tuttavia, ha osservato negli ultimi mesi, il settore dei container ha visto occasionali chiamate di navi con carico extra oltre al loro programma settimanale di servizi. Allo stesso tempo, le prestazioni di arrivo puntuale per i servizi di linea sono diminuite.

Fonte: www.portstrategy.com