Un Accordo a sostegno della filiera del marmo

Eltrak - Cat banner ad

Franchi Umberto Marmi Spa e BNL BNP Paribas comunicano di aver avviato una collaborazione finalizzata all’attivazione di sinergie a vantaggio delle imprese nella filiera del marmo di Carrara. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del “Programma Sviluppo Eccellenze del Made in Italy” di BNL BNP Paribas e ha lo scopo di supportare il rilancio dell’economia del territorio.

L’accordo prevede che Franchi Umberto Marmi, azienda posizionata a livello internazionale nel settore della lavorazione e della commercializzazione del marmo di Carrara, quotata su Euronext Growth Milan e BNL collaborino nell’individuare le aziende, del settore del marmo, che si distinguano per capacità e competenze produttive e manageriali, dando loro la possibilità di accedere a un sostegno finanziario a condizioni particolarmente competitive.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

L’iniziativa è rivolta al territorio di Carrara e alla sua valorizzazione. Un ambito caratterizzato da imprese di medie e piccole dimensioni, eccellenze nei propri mercati, con competenze specialistiche ad alto valore aggiunto e strategico per il settore e per il Paese.

Il ruolo di BNL BNP Paribas sarà di prendere contatto con i fornitori e le imprese collegate alla filiera del marmo, con l’obiettivo di sostenerle finanziariamente. Ciò avverrà attraverso un’offerta di servizi del credito a condizioni agevolate, prodotti a supporto dell’export e dell’apertura ai mercati internazionali grazie anche al network globale del Gruppo BNP Paribas.

Le soluzioni possono spaziare da finanziamenti a breve, medio e lungo termine fino a strumenti specifici come il reverse factoring. Inoltre, il supporto della Banca non si limiterà a fornire servizi finanziari a sostegno del business, ma prevede specifici prodotti volti ad accompagnare le imprese nei processi di efficientamento energetico, sostenendone la transizione ecologica e la riduzione dell’impatto ambientale con ricadute positive anche sulla comunità locale.

Fonte: www.e-duesse.it