I giganti di marmo di Pablo Atchugarry incantano Milano

Eltrak - Cat banner ad

“Pablo Atchugarry. Vita della materia” è il titolo di una grande mostra monografica dedicata all’opera del noto scultore uruguaiano, che dagli anni Settanta si divide tra Italia, Stati Uniti e Uruguay.

L’antologica, ideata per la sala delle Cariatidi del Palazzo Reale di Milano, è stata inaugurata il 27 ottobre scorso e chiuderà il 30 gennaio prossimo.

Stonetech banner ad
Stonetech banner ad
Officine Marchetti banner ad

Promossa e prodotta dal Comune di Milano Cultura, Palazzo Reale, Skira Editore e Gruppo Euromobil, Zalf, Désirée, l’esposizione è curata dal critico d’arte Marco Meneguzzo, in collaborazione con l’artista, e realizzata nell’allestimento da Reggiani per la parte illuminotecnica.

La mostra vuole essere un punto di riflessione e un omaggio alla grande carriera di Pablo Atchugarry, scultore che con la sua notorietà internazionale, il curriculum delle esposizioni, la presenza nelle collezioni più importanti del mondo, e i suoi risultati di mercato planetari, costituisce il vero esempio di un artista che ha saputo concentrare nel suo lavoro il gusto globalizzato di tutti i collezionisti e gli esperti del mondo.

Un’attività che nell’ultimo ventennio si è concentrata su grandi sculture in marmo -tutte lavorate e scolpite personalmente – che ora, nell’ambito dell’ultimissima produzione, stanno lasciando il posto a delle riflessioni sempre sulle forme sinuose e lineari della natura, ma scavate direttamente nel legno o emergenti da tronchi di ulivi secolari.

Una esposizione importante, unica, un doveroso omaggio da parte di Milano, la prima città a essere visitata da un giovane artista uruguaiano appena arrivato in Italia, all’inizio degli anni Settanta.

Pablo Atchugarry è nato a Montevideo (Uruguay) nel 1954. Nel 1979 presso Carrara crea la sua prima scultura, dopo aver sperimentato diversi materiali. Nel 1982 si trasferisce a Lecco, dove tuttora vive e lavora, e qui inizia a lavorare al suo primo progetto monumentale in marmo di Carrara. Nel 2002 vince il Premio Michelangelo per la sua carriera artistica. Nel 2003 è alla cinquantesima Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia. Nel 2007 nasce la Fondazione Pablo Atchugarry a Manantiales (Punta del Este) in Uruguay, dove è sta sorgendo un grandissimo museo d’arte contemporanea.

Fonte: www.avantionline.it